Pubblicazione: 21/06/2019 Ultimo aggiornamento: 2019-06-21 12:05:18

Simbiosi tra Scienza e Cultura al MedChem2019 convegno internazionale di Chimica Farmaceutica, Catanzaro 13-15 giugno 2019


Catanzaro ha ospitato nei tre giorni dal 13 al 15 giugno 2019 il primo convegno congiunto tra il Paul Ehrlich Euro-PhD Network e il COST Action MuTaLig denominato MedChem2019. La location selezionata per tale occasione è quella del Complesso Monumentale San Giovanni nel pieno centro di Catanzaro. Il meeting è stato molto seguito dall’ampia delegazione internazionale di esperti di elevato livello scientifico che operano in vari ambiti della Chimica Farmaceutica. Ai venti diversi paesi dell’area pan-Europea (Austria, Belgio, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Latvia, Malta, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia) che avevano dato iniziale adesione si sono aggiunti anche altri due Latvia e Serbia, aumentando, quindi, l’impatto internazionale dell’evento. Il Prof. Stefano Alcaro, organizzatore dell’evento insieme allo staff del neo spinoff universitario Net4Science, ha curato i rapporti con tutti tali paesi grazie al suo ruolo di coordinatore di entrambe le suddette reti scientifiche e, più recentemente, di delegato per le misure di internazionalizzazione dell’Ateneo di Catanzaro. Aver portato a Catanzaro questo evento, dopo gli altri che hanno coinvolto sedi prestigiose come Lugano, Budapest, Vienna, Siena, Porto, Amburgo, Tenerife, La Valletta e Parigi, è motivo di grande soddisfazione sia per gli organizzatori che per lo stesso Magnifico Rettore Prof. Giovambattista De Sarro, il quale nella prima giornata è intervenuto al meeting accogliendo gli ospiti della gremita Sala delle Arti del Complesso Monumentale San Giovanni. I saluti di benvenuto sono stati portati, inoltre, dal Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute Prof.ssa Maria Pavia, dall’Assessore del Comune di Catanzaro alla Pubblica istruzione e Rapporti con l’Università Prof.ssa Concetta Carrozza e, per tramite dell’organizzatore del meeting, anche da parte dell’Assessore all'Istruzione ed alle attività culturali Regione Calabria, Dott.ssa Maria Francesca Corigliano che ha inviato una lettera di sostegno all’iniziativa. Il primo decennale del Paul Ehrlich Euro-PhD Network, fondato a Palermo nel 2009, è stato celebrato con la lettura plenaria di Girolamo Cirrincione, professore emerito di Chimica Farmaceutica della stessa sede universitaria siciliana. Il suo dettagliato excursus sui primi dieci anni di attività della rete in realtà rivela che le intuizioni per la sua creazione avevano pregresse radici, caratterizzate sempre da un significativo coinvolgimento della comunità scientifica italiana. Il futuro del network è stato, invece, celebrato da una seconda lettura plenaria, quella della Prof.ssa Christa Müller (Università di Bonn, Germania), riconosciuta unanimemente come luminare di livello mondiale nella Chimica Farmaceutica. Il suo è stato un intervento tecnico che ha spaziato dalla chimica dei recettori accoppiati alle proteine G fino ad implicazioni nella progettazione e sintesi di agenti ad azione polifarmacologica. Non a caso tale eminente scienziata è anche coinvolta pienamente nel COST Action MuTaLig e probabilmente incarna meglio di tanti altri i rapporti virtuosi che riguardano entrambe le comunità scientifiche presenti nel MedChem2019.

Come previsto nel programma, la sessione successiva, moderata dal Prof. Serge Van Calenbergh (Università di Ghent, Belgio) ha ospitato le relazioni dei sei neodottori di ricerca meritevoli del titolo aggiuntivo Paul Ehrlich Euro-PhD Network award, ovvero: Donatella Bagetta e Antonio Lupia (Università “Magna Græcia” di Catanzaro), Tommaso Felicetti (Università di Perugia), Laura Ielo (Università di Messina), Carlos Fernandes e Sofia Benfeito (Università di Porto, Portogallo). Con essi, dal 2012 sono stati premiati ben 28 dottori di ricerca provenienti da istituzioni universitarie di Austria (1), Italia (16), Polonia (1), Portogallo (8), Slovenia (1) e Spagna (1). È interessante notare che sei di essi sono stati formati presso l’Università Magna Græcia di Catanzaro. La prima giornata si è poi conclusa con il programma sociale previsto proprio nei pressi della location congressuale, ovvero nel museo del San Giovanni. Divisi in due gruppi, rispettivamente guidati in lingua italiana ed inglese, i partecipanti hanno potuto ammirare l’esposizione del codice Romano Carratelli, candidato al programma UNESCO “Memoria del Mondo”, che raccoglie le stampe d’epoca delle fortezze costiere della Calabria Ultra al tempo delle incursioni provenienti dai due mari. Alla fine del tour è seguito nel chiostro del Complesso Monumentale un momento musicale e conviviale che ha visto la partecipazione straordinaria di produttori locali in veste di food supporters dell’evento.

La seconda giornata, quella del venerdì 14, è stata quella più impegnativa dal punto di vista del programma scientifico. Si è proceduto in sessioni parallele dedicate ad entrambe le reti internazionali tra la “Sala delle Arti” e la “Sala Gissing” posta a piano terra. Fondamentale è stato l’inserimento del cronometro che ha consentito ai moderatori Athina Geronikaki (Grecia), Fernanda Borges (Portogallo), Danijel Kikelj (Slovenia), Eugenio Gaudio (Svizzera) e Vittorio Limongelli (Svizzera), di far rispettare i tempi dei ventisei relatori previsti non solo per non trovarsi sfasati nelle pause, ma anche per rendere possibile la realizzazione delle sessioni poster in modalità multimediale sincronizzate a ridosso dei coffee break e del pranzo. Riuniti in tre salette a piano terra i quarantasette autori dei poster sono stati coinvolti in comunicazioni flash di due minuti ciascuna, ripetute per tre volte nell’arco della giornata, in cui hanno esposto a tutti i partecipanti il proprio progetto scientifico, consultabile in anticipo già da oltre dieci giorni prima sul sito web del meeting. Una formula inedita che ha riscosso un grande successo e di cui gli organizzatori hanno anche previsto di ottenere un feedback attraverso la compilazione ex post di un questionario di preferenza e suggerimento per tutti i partecipanti. La tecnologia messa in campo in questo caso, pur avendo indotto un lavoro organizzativo aggiuntivo a carico dello spinoff Net4Science, ha dato i suoi frutti in termini di riduzione dell’impatto cartaceo, eliminazione di scomodi trasporti ed installazioni, ma soprattutto rendendo massima l’interazione tra i partecipanti e i presentatori. Per completare adeguatamente l’iter gli organizzatori hanno previsto la designazione dei migliori mediante una procedura democratica che è avvenuta mediante votazione in urna chiusa di un massimo di due contributi poster da effettuare prima della sessione del giorno dopo. A fine giornata la maggioranza del gruppo ha aderito alla seconda attività sociale prevista, ovvero il tour guidato presso lo splendido parco archeologico di Scolacium a Roccelletta di Borgia. Gli ospiti sono stati divisi in due gruppi con guida in italiano ed inglese alla scoperta dell’imponente Basilica normanna, degli scavi, del teatro, dell’anfiteatro e di un’esposizione di tele artistiche contemporanee. La presenza di un’attrice che ha raccontato i miti dell’antica Grecia ha reso ancora più speciale la visita, culminata con un momento conviviale di ottimo livello e uno musicale dal vivo, entrambi molto apprezzati da tutti i partecipanti.

Nella terza giornata, sabato 15 giugno, i partecipanti hanno ultimato le procedure di preferenza sui poster presentati e si è dato inizio all’ultima sessione il cui tema dedicato alle opportunità di finanziamento di progetti di ricerca mediante bandi europei e nazionali ha riscosso grande interesse tra tutti i partecipanti. L’intervento del Dott. Frank Marx, alto dirigente presso l’Agenzia di Ricerca Europea a Bruxelles, ha attivato l’interesse dell’audience su alcuni bandi europei Marie Skłodowska-Curie di prossima pubblicazione. Essi, per le due reti scientifiche del MedChem2019, possono rappresentare un’eccellente prospettiva per far fruttare al meglio le connessioni create e le competenze sviluppate. Le relazioni dei Dott.ri Menotti Lucchetta e Antonio Mazzei hanno completato il quadro offrendo ulteriori strumenti di diretta fruizione da parte di soggetti pubblici e privati che, in particolare in Calabria, operano nel settore di ricerca ed innovazione. Altra opportunità, evidenziata nella discussione, riguarda l’introduzione del settore specifico PE5_18 dedicato alla Medicinal Chemistry in seno al Consiglio Europeo della Ricerca (European Research Council). A conclusione dei lavori la tavola rotonda, condotta con i rappresentanti dei gruppi di lavoro del COST Action MuTaLig, ha fatto il punto su quanto è possibile fare per il futuro dei due network internazionali. Nel frattempo le operazioni di designazione dei poster meritevoli di essere premiati ha portato alla definizione di tre vincitori a cui sono state conferite altrettante targhe personalizzate: Jakob Bouton (Ghent University, Belgio), offerta dalla company austriaca Inte:Ligand, Milika Elek (Heinrich-Heine-Universitat di Dusseldorf, Germania) consegnata dallo spinoff Net4Science e Annalisa Maruca (UMG di Catanzaro) donata dall’azienda americana Schrödinger. Anche il terzo giorno gli ospiti hanno avuto l’occasione di uno stimolo culturale di ottimo livello, mediante il tour bilingue, curato con grande perizia dalle associazioni 4culture e Mirabilia, presso gallerie del Complesso San Giovanni, durante il quale è stato servito un assaggio di prodotti tipici del territorio.

In conclusione il meeting MedChem2019 ha riscosso un eccellente successo in termini di partecipazione, di innovazione nella formula di presentazione dei poster, di interazione tra i gruppi di lavoro, di alta formazione dedicata ai dottorandi della Scuola di Scienze e Tecnologie della Vita di Catanzaro e di apprezzamento degli stimoli culturali proposti. Le premesse per ulteriori progetti di cooperazione internazionale sono molto evidenti e gli strumenti per riuscire in questo intento sono potenzialmente disponibili. Le fasi salienti del meeting e sono raccontate nelle galleria fotografica pubblicata sul sito web del meeting http://medchem2019.unicz.it.

Le due reti internazionali proseguiranno il loro cammino di crescita ed interazione. Il Paul Ehrlich Euro-PhD Network si riunirà a giugno del 2020 a Barcellona (Spagna) in occasione del X meeting annuale organizzato dal Prof. Josè Borell. Il COST Action MuTaLig ha in programma ad ottobre di quest’anno la sua ultima training school a Lugano (Svizzera), organizzata dal Prof. Vittorio Limongelli, e quindi il meeting finale a Smirne (Turchia) previsto per marzo 2020, che sarà curato dalla Prof.ssa Gunay Anacak.

 

800 453 444 Lun. - Ven. dalle 09:00 alle 18:00 e Sab. dalle 9:00 alle 13:00