Pubblicazione: 29/10/2019 Ultimo aggiornamento: 2019-10-29 10:57:21

Si è tenuto il convegno di studi sul tema 'Il nuovo codice della crisi di impresa: profili processuali e sostanziali'


Venerdì 25 ottobre, presso il Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologiadell'Università Magna Graecia di Catanzaro si è tenuto il convegno di studi sul tema “Il nuovo codice della crisi di impresa: profili processuali e sostanziali”.
I lavori si sono articolati in due sessioni, una mattutina ed una pomeridiana. La prima,introdotta e presieduta dal prof. Bruno Sassani, ordinario dell’Università di Roma TorVergata; la seconda, introdotta e presieduta dal prof. Valerio Donato, ordinario diDiritto Privato dell’Università di Catanzaro.
Sono intervenuti, tra gli altri, il Rettoredell'Università di Catanzaro, prof. Giovambattista De Sarro e il Direttore delDipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia, prof. Geremia Romano.
Leconclusioni dei lavori sono state affidate al prof. Antonio Briguglio dell'Università diRoma Tor Vergata.
Oltre alle relazioni principali tenute da docenti universitari si sono tenute due tavolerotonde con interventi programmati di magistrati e professionisti esperti della materia.
L'iniziativa è stata promossa dal prof. Ulisse Corea, docente di Diritto processuale civiledell’Ateneo catanzarese: "E' stata una importante giornata di studio e di confronto suuna riforma che può avere un impatto enorme sulla vita economica e sociale del paesee della nostra regione.
L’importanza del tema ci ha indotto ad affrontarlo nellaprospettiva di tutti gli operatori della materia: naturalmente dal lato dell’accademia conl'intervento di illustri professori di diverse università italiane, ma al contempo dal latodella magistratura, dell’avvocatura, dei commercialisti, dei consulenti del lavoro e delsistema camerale e delle imprese.
Inoltre, l'iniziativa ha avuto la preziosa collaborazionedelle altre due università calabresi: in tal modo, abbiamo inteso mandare un precisomessaggio di unità, di cui la nostra regione ha tanto bisogno, per rilanciare unfruttuoso percorso di cooperazione tra gli atenei.
La straordinaria partecipazione degliordini professionali e degli studenti dimostra non solo l'interesse degli operatori del settore, ma anche la grande vitalità del nostro Ateneo, sempre più aperto alla città eallo scambio con le altre istituzioni e le categorie professionali".

 

800 453 444 Lun. - Ven. dalle 09:00 alle 18:00 e Sab. dalle 9:00 alle 13:00