Pubblicazione: 05/12/2019 Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 12:38:24

Riconoscimenti internazionali per le ricerche di Diritto Romano del DIGES


Due monografie di Diritto romano apparse nel 2018 nella Collana del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia dell’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro sono state insignite, nella cerimonia svoltasi a Praga, all’Univerzita Karlova, lo scorso 19 novembre, di due prestigiosi riconoscimenti nell’ambito del XI Premio Romanistico Internazionale “Gérard Boulvert”.

La giuria ha conferito il Premio speciale del «Centro interdipartimentale ‘Vincenzo Arangio-Ruiz’ di studi storici e giuridici sul mondo antico» alla monografia di Donatella Monteverdi, La questione decemvirale. Itinerari e risultati di una complessa vicenda storiografica, avendo formulato su di essa il seguente giudizio: «Opera di grandissimo impegno, che si caratterizza come un importante contributo per la rilettura critica del complesso tema storiografico studiato, costituendo un eccellente e colto strumento di orientamento anche per la collocazione di ciascun autore nel contesto dottrinale del suo tempo».

La monografia di Paolo Marra, Fiduciae causa, giudicata una «Rivisitazione originale e meditata dell’antica fiducia, che, partendo dal più remoto diritto delle persone per giungere al diritto reale classico, coniuga visione storica e rigore dogmatico, pervenendo – attraverso solidi percorsi argomentativi e con stile asciutto ed essenziale – a risultati che gettano nuova luce sulla materia studiata, aprendo alla possibilità di una più intima comprensione delle sue logiche complessive», è stata insignita del Premio speciale della Faculté de droit de l’Université de Fribourg.

Il «Premio romanistico internazionale Gérard Boulvert», organizzato dal «Consorzio Interuniversitario Gérard Boulvert per lo studio della civiltà giuridica europea e la storia dei suoi ordinamenti» – al quale aderisce, dalla sua istituzione, l’Università ‘Magna Graecia’ di Catanzaro, unitamente a molte altre presitgiose Università italiane –, d’intesa con la rivista «Index», premia “opere prime” di studiosi di ogni nazionalità relative alla storia del diritto romano e dei diritti antichi, incoraggiando così lo sviluppo di una disciplina la quale, proprio per poter perseguire in modo efficace e razionale (cioè scientificamente controllabile) i suoi fini, esige il dominio di tecniche particolari e sofisticate e, in più, in chi la coltiva, la consapevolezza dell’esigenza, da un lato, di non perdere la propria specificità di giurista e, dall’altro, di non rinunciare ad assumere, insieme con questa, lo statuto dello storico.

All’XI edizione, relativa alle opere apparse nel triennio 2016-2018, hanno partecipato 32 opere di autori di 11 nazionalità diverse, redatte in fiammingo, francese, greco, inglese, italiano, polacco, spagnolo, tedesco, portoghese.

La giuria è stata composta da professori ordinari provenienti da Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Stati Uniti d’America, Ungheria.


Allegato:
Pubblicato in data: 05/12/2019

Foto

Allegato:
Pubblicato in data: 05/12/2019

Foto 2

 

800 453 444 Lun. - Ven. dalle 09:00 alle 18:00 e Sab. dalle 9:00 alle 13:00