Pubblicazione: 30/11/2022  |  Scadenza: Ultimo aggiornamento: 2022-12-02 15:25:09

Convegno 'L'ergastolo ostativo. Il problema e le implicazioni costituzionali'


Si terrà il prossimo 2 dicembre, presso il Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia, un importante Convegno sul tema, di estrema attualità: "L'ergastolo ostativo. Il problema e le implicazioni costituzionali".

Il dibattito - voluto e organizzato dal Prof. Fulvio Gigliotti, ordinario dell'Università Magna Graecia di Catanzaro e, attualmente, Direttore dell'Ufficio Studi (e componente) del Consiglio Superiore della Magistratura, il quale ne curerà la presentazione - vedrà confrontarsi assai autorevoli esperti e alcuni tra i più significativi protagonisti della storia giudiziaria del Paese. Interverranno, infatti: il Dott. Raffaele Sabato, Giudice della Corte europea dei Diritti dell'Uomo (la quale, con la pronuncia Viola c. Italia, del 13 giugno 2019, ha impresso una svolta significativa all'assetto dell'istituto); il Dott. Antonino Di Matteo, oggi sostituto Procuratore nazionale antimafia e componente CSM, che da Pm della Dda a Palermo ha condotto fondamentali indagini sulla penetrazione della mafia siciliana nella società italiana; il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Dott. Nicola Gratteri, internazionalmente noto per la sua azione di contrasto alla ‘ndrangheta e alla criminalità organizzata; il Dott. Gherardo Colombo, già magistrato, notissimo protagonista della storica stagione di Mani Pulite; il Dott. Bernardo Petralia, già magistrato e apprezzato capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria; il Prof. Davide Galliani, dell’Università di Milano, che (anche insieme ad altri giuristi, tra i quali Emilio Dolcini e Andrea Pugiotto) ha pubblicato alcuni tra i più significativi contributi scientifici sul tema dell'ergastolo ostativo.

Modererà il giornalista e saggista catanzarese Massimo Tigani Sava.

L'evento (nel quale, prevedibilmente, considerate le diverse sensibilità dei prestigiosi Relatori chiamati ad intervenire, saranno offerti differenti - e forse finanche opposti - punti di vista sull'argomento) affronta una tematica di enorme rilievo, che mette a confronto esigenze di sicurezza da un lato, e questioni fondamentali (di rilievo costituzionale) attinenti alla teoria della pena, dall'altro.

Il dibattito (preceduto dai saluti del Magnifico Rettore, G. De Sarro, dell'on. Wanda Ferro, Sottosegretario di Stato, e del Direttore del Dipartimento dell'area giuridica, G. Romano; nonchè del Presidente del COA di Catanzaro, Avv. A Talerico, e della Dott.ssa D. Donato, responsabile della locale struttura di formazione decentrata della Scuola Superiore della magistratura) si inserisce in un momento nel quale il recentissimo intervento normativo in materia - con un decreto legge del Governo appena insediatosi, presentato per la conversione in Parlamento (e che ha, per ora, impedito, lo scorso 8 novembre, una ulteriore pronuncia della Corte costituzionale sull'istituto) - ha riportato all'attenzione generale la questione e si presenta, dunque, di rilevantissima attualità.

Il Convegno, esteso alla partecipazione pubblica, oltre che di studenti, magistrati e avvocati (per tutti i quali è anche accreditato come attività formativa), si terrà presso il Campus universitario Salvatore Venuta, aula Giovanni Paolo II, con inizio alle ore 15,30 del prossimo venerdì 2 dicembre.

Si avvisa che il convegno odierno "L'ergastolo ostativo. Il problema e le implicazioni nazionali" sarà trasmesso in diretta video nazionale su https://www.radioradicale.it/agenda?data=2022-12-02.


 

800 453 444 Lun. - Ven. dalle 09:00 alle 18:00 e Sab. dalle 9:00 alle 13:00